Gennaio 11, 2017

I BROCCOLI

I BROCCOLI

di AnnaMaria Strano

 

Cosa c’è di meglio che mangiare un po’ di verdure, specialmente dopo i pasti luculliani delle feste appena trascorse? Contribuiscono ad idratare il nostro corpo e ci assicurano un mix di sostanza nutritive. In particolare oggi ci occupiamo dei broccoli.

Appartengono alla famiglia delle crocifere, sono originari dell’Asia Minore ma, dopo l’importazione, sono coltivati soprattutto in Grecia e in Italia. Ne esistono diverse varietà, le più note sono due: il cavolo broccolo che ha un fusto corto e inflorescenze di un colore verde acceso, con i fiori biancastri; il cavolo broccolo ramoso che presenta la cima di un colore verde azzurro e i germogli laterali morbidi, di un colore verde scuro, chiamati broccoletti.

 

Sono molto apprezzati perché, oltre al sapore gustoso, hanno pochissime calorie: circa 27 per 100 gr., pertanto vengono spesso usati nelle diete ipocaloriche.

I broccoli fanno bene perché sono ricchi di antiossidanti che sostengono la salute del cuore, del fegato e della pelle. L’elevato contenuto di vitamina C mantiene in buona salute le arterie: evita infatti che al loro interno si formino placche, riducendo il rischio di incorrere nell’ictus o nell’infarto. Riescono a svolgere un ruolo importante nella prevenzione del cancro, perché agiscono contro l’invecchiamento delle cellule provocato dai radicali liberi. I broccoli inoltre, come tutti i vegetali, combattono la ritenzione idrica poiché aiutano l’organismo a disintossicarsi e ad eliminare prodotti chimici nocivi.

 

Dall’acquisto al consumo

Sono un tipico alimento invernale, quindi conviene acquistarli nella stagione di appartenenza per trovarli, tra l’altro, ad un prezzo più basso..

Acquistandoli, bisogna accertarsi che le infiorescenze siano compatte e di colore vivo. Le foglie devono essere consistenti e devono rompersi con suono secco. Per la pulitura basta eliminare le foglie, staccare le cime dal torsolo e lavarli con accuratezza sotto l’acqua corrente.

I broccoli sono ottimi cotti, ma non troppo. Mentre una cottura a bassa temperatura contribuisce al rilascio di alcune sostanze protettive, surriscaldandoli in una cottura prolungata se ne distruggono altre. L’ideale è una leggera cottura al vapore.

 

In cucina…

…l’unico elemento negativo di questi ortaggi è lo sgradevole odore emanato durante la cottura: ciò e dovuto allo zolfo che contengono in discreta quantità. Come evitare il cattivo odore? Semplicemente spremendo un limone nell’acqua di cottura.

 

Controindicazioni

Mangiando i broccoli è possibile che si formino gas intestinale e gonfiore, ciò è dovuto alle fibre insolubili che contengono; pertanto è meglio che ne riduca il consumo chi soffre di gastrite o di colon irritabile.

 

 

ABOUT THE AUTHOR: Simone Strano

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *